Servizi finanziari: il “digital divide” dei CDA

Servizi finanziari: “IL DIGITAL DIVIDE” DEI CDA
Nel settore dei servizi finanziari, in Italia, le competenze digitali nei CdA non vanno di pari passo con gli investimenti in IT, tanto che i membri dei CdA con esperienza in campo tecnologico sono meno del 10%.
Questo il quadro che emerge dal report “Tech Explosion e Digital Disruption nei Financial Services: i Board italiani sono pronti?” di Monitor Deloitte, uno studio volto a rilevare il “quoziente digitale” dei Consigli di Amministrazione su un panel di 12 player fra i principali istituti di credito e gruppi assicurativi.

Dall’indagine il settore dei Financial Services emerge come uno dei comparti più interessati dalla rivoluzione digitale. Tuttavia, a fronte di un elevato livello di spesa in tecnologia nel 2018 (con valori che hanno raggiunto il 7,5% dei ricavi, quattro punti percentuali sopra alla media), specialmente da parte degli istituti di credito e delle compagnie assicurative, il livello di digitalizzazione del board resta limitato.

Figura 1 – Piano di crescita budget IT per il 2018

Figura 1 – Piano di crescita budget IT per il 2018

Il divario digitale dei CdA

La ricerca Deloitte evidenzia come l’evoluzione tecnologica stia creando un digital divide nel mondo dei servizi finanziari: i modelli aziendali basati sulla tecnologia crescono più velocemente, sono caratterizzati da moltiplicatori di ricavi più elevati e sono maggiormente premiati dagli investitori.
La tecnologia sta portando ad un ripensamento strutturale dei business model nel settore finanziario e la governance delle aziende deve strutturarsi adeguatamente per gestire l’impatto del digitale e guidare le scelte strategiche del futuro.

Secondo i risultati del report, soltanto all’interno di 4 tra i CdA selezionati si trovano consiglieri con profili tech-oriented.

FIGURA 2 | Area di competenza dei membri del CdA delle aziende FSI Top 12 società, %, 2019

FIGURA 2 | Area di competenza dei membri del CdA delle aziende FSI, Top 12 società, %, 2019

“Le competenze tecnologiche e, più in generale, la differenziazione di profili all’interno dei board risulta essere estremamente limitata se paragonata alla complessità delle sfide future” – afferma Manuel Pincetti, partner Monitor Deloitte – “Infatti, se un tempo la banca era vista come mero istituto di credito, questa definizione non rappresenta più in pieno l’evoluzione che sta interessando il settore, dove le aziende sviluppano, e lo faranno sempre di più in futuro, modelli di business open, come quello di BBVA, agevolati dalle tecnologie digitali integrate in complessi ecosistemi che vengono gestiti o addirittura, come Alibaba, creati”.

Il CdA digitale di domani

Per vincere sul mercato gli istituti di credito e le compagnie di assicurazioni devono colmare il gap in termini di quoziente digitale ed allineare le competenze dei CdA ai piani strategici che progettano. Un board con esperienza digitale, caratterizzato da competenze e profili eterogenei, è un indispensabile strumento di governo della complessità e della trasformazione digitale.

A questo scopo Monitor Deloitte ha individuato 7 “must” per un percorso virtuoso, indicati in Figura 3:

FIGURA 3 | I 7 “Must” per aumentare il quoziente digitale nei Board

FIGURA 3 | I 7 “Must” per aumentare il quoziente digitale nei Board

I profili tech-savvy, secondo Monitor Deloitte, diventeranno sempre più frequenti tra le nuove nomine dei board e il responsabile aziendale dell’area tecnologica, che molto spesso governa anche gli ambiti Digital, Innovation e Trasfomation, dovrà essere in grado di interagire in modo più proattivo con il CdA, mostrando i benefici di business che una determinata soluzione tecnologica garantisce all’azienda.

Link al report completo.

About the Author

B2B Voice
B2B Voice delivers fast and resonant information about the business world in a multilingual format speaking to international entrepreneurs. Whenever entrepreneurs speak up, B2B Voice is here to listen