Volatilità dei futures sul petrolio e riflessi economici

Oil futures volatility
L’attacco di droni all’infrastruttura petrolifera dell’Arabia Saudita ha messo in luce le fragili relazioni tra l’offerta di greggio e l’economia globale. Nuove ricerche mettono a fuoco i legami tra volatilità dei futures sul petrolio ed economia.

“Non dovremmo sottovalutare l’importanza degli eventi geopolitici sul mercato petrolifero, in quanto hanno il potere di incidere sulla stabilità del nostro mondo finanziario”, afferma la ricercatrice finanziaria Dr Christina Sklibosios Nikitopoulos della University of Technology di Sydney.

“Il 16 settembre 2019 il mercato petrolifero ha assistito a uno dei movimenti infragiornalieri più elevati di sempre, con un aumento del 15% dei prezzi del petrolio Brent e un aumento del 14,7% dei futures sul petrolio greggio WTI degli Stati Uniti. I picchi nel prezzi del petrolio sono da sempre visti come un barometro della recessione, ma non è importante solo il prezzo ma anche la volatilità”, afferma.

In un articolo recentemente pubblicato, la dott. Nikitopoulos, con i colleghi Dr Boda Kang del gruppo Lacima, e il professore di finanza Marcel Prokopczuk dell’Università di Leibniz Hannover, hanno esaminato le connessioni tra la volatilità dei futures sul petrolio e l’economia globale.

I ricercatori hanno esaminato 30 anni di dati per scoprire determinanti economici della volatilità dei futures sul petrolio nel breve, medio e lungo termine. Questi includevano sia variabili del settore petrolifero, che variabili finanziarie e condizioni macroeconomiche.

La ricerca ha rivelato quanto i mercati del greggio siano profondamente integrati con i mercati finanziari. “Gli investitori considerano sempre più le materie prime come una classe di attività alternativa alle azioni o alle obbligazioni e i derivati ​​del petrolio greggio sono le materie prime più attivamente negoziate”, afferma il dott. Nikitopoulos.

I futures sul petrolio hanno iniziato a essere negoziati nel 1983 e le opzioni nel 1986, e da allora il mercato ha registrato una crescita esplosiva. Il volume degli scambi giornalieri è passato da 21.997 contratti nel 2012 a 1,6 milioni nel 2016 e questa settimana ha superato i 2 milioni.

“Il nostro studio ha evidenziato l’importanza dei premi per il rischio in questo mercato e ha rivelato che gli spread creditizi svolgono un ruolo significativo nel determinare la variazione a breve e medio termine dei prezzi dei futures sul petrolio”.

Nel mercato obbligazionario, la struttura dei termini – il tasso al quale le persone possono prendere in prestito o prestare in periodi diversi, è vista come un segnale economico importante – segnalando una crescita se il termine dei rendimenti è in aumento o una recessione se in calo.

Le strutture a termine nei mercati petroliferi possono essere viste in una luce simile, dove il contango (dove il prezzo a termine di una merce è superiore al prezzo spot) o il backwardation (dove il prezzo a pronti o in contanti di una merce è superiore al prezzo a termine) forniscono un segnale economico.

La dott. Nikitopoulos afferma che la prevista carenza di approvvigionamento a seguito dell’attacco dei droni farebbe rimanere i mercati dei futures sul petrolio in backwardation per un certo periodo.

I ricercatori hanno scoperto che insieme alla pressione di copertura e al VIX (un indice di volatilità del mercato azionario), dopo il 2004 (l’inizio della finanziarizzazione dei mercati delle materie prime), gli spread del credito, la produzione industriale e l’indice del dollaro USA sono stati tutti fattori trainanti della volatilità a breve termine.

“Questo spiega le ricadute di volatilità tra i mercati azionari e delle materie prime, che si è rafforzata negli ultimi 10 anni”, afferma Nikitopoulos. “Supporta anche l’idea che la volatilità del petrolio agisca come un barometro della recessione e che i timori sull’impatto degli shock petroliferi sulla stabilità finanziaria sono giustificati”, afferma.

La volatilità a medio termine è stata costantemente correlata agli interessi aperti (una misura dell’attività di negoziazione) e agli spread creditizi, mentre le variabili del settore petrolifero come l’inventario e il consumo hanno avuto un impatto misurabile dopo il 2004 a causa di cambiamenti strutturali nell’economia e nel settore petrolifero.

Il dott. Nikitopoulos sostiene che, poiché la volatilità dei futures sul petrolio è un prodotto dell’interazione tra il settore petrolifero e l’economia, sono necessarie politiche reciprocamente coerenti.

“I mercati petroliferi dovrebbero essere al centro delle discussioni politiche globali e non solo delle decisioni individuali della Commissione commerciale futures sulle materie prime degli Stati Uniti o dell’OPEC”, afferma.

“La volatilità dei futures sul greggio ha un ruolo importante nell’economia globale e ha implicazioni significative per i partecipanti al mercato – dai produttori di petrolio e investitori istituzionali, ai trader e alle autorità di regolamentazione del mercato. “E mentre l’economia americana può gestire questo recente shock petrolifero con la propria produzione di petrolio di scisto e l’apertura di riserve strategiche, sono i mercati globali come l’Australia che soffrono di più a causa di un aumento dei costi del carburante”, afferma.

About the Author

B2B Voice
B2B Voice delivers fast and resonant information about the business world in a multilingual format speaking to international entrepreneurs. Whenever entrepreneurs speak up, B2B Voice is here to listen